Roma fu per più di trent’anni una seconda patria per Sassi, come attestano i numerosi dipinti, acquerelli e disegni che prendono a soggetto sia scorci della città vissuta, sia i luoghi “canonici” della veduta turistica come il Colosseo o i Fori.